Piu' di 100 anni... di sicurezza sul lavoro???...

Risale addirittura alla fine del 1800 il concetto di prevenzione degli infortuni, passando per l’art. 2087 del Codice Civile nel 1942 (…adottare misure che tutelino l’integrità fisica e morale dei lavoratori…), per l’art. 41 della Costituzione nel 1947 (…iniziativa privata libera…non può svolgersi in contrasto alla sicurezza…), per due importanti leggi degli anni ’50 (547/55 infortuni sul lavoro e 303/56 norme per l’igiene del lavoro), per un’altra serie di norme e decreti con diverse integrazioni che hanno ruotato attorno al "famoso" DLvo 626/94 (e DLvo 494/96 per i cantieri temporanei e mobili), fino ad arrivare ad una vera e propria legge quadro che a tutt’oggi governa il “mondo” della sicurezza sul lavoro: il DLvo 81/08 meglio conosciuto come TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO.

Le pratiche di tutti i giorni da adottare per una corretta applicazione di questa norma quadro sono ben definite e collaudate, si basano infatti sulla precedente legge "626". Si potrebbe affermare che rispetto alle norme sull’ambiente sono “più facili” da applicare perché più chiare nella loro sostanza.
Detto questo la definizione sopracitata di “mondo” serve a introdurre la quantità di titoli/norme che spaziano in tutta la gestione della sicurezza e che qui elenchiamo in estrema sintesi:
Titolo I principi comuni
Titolo II luoghi di lavoro
Titolo III uso attrezzature e DPI
Titolo IV cantieri temporanei o mobili
Titolo V segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro
Titolo VI movimentazione manuale dei carichi
Titolo VII attrezzature munite di videoterminali
Titolo VIII agenti fisici
Titlo IX sostanze pericolose
Titolo X esposizione ad agenti biologici
Titolo XI protezione da atmosfere esplosive
Titolo XII disposizioni in materia penale e di procedura penale
Titolo XIII norme transitorie e finali.

 

 

Molte aziende a partire da 1995 si sono attivate per nominare addetti alla sicurezza (ASP), responsabili interni ed esterni (RSPP) e rappresentanti per i lavoratori (RLS), nonché a redigere il documento sulla Valutazione dei Rischi, la nomina del medico competente, l’effettuazione dei corsi obbligatori (anche in funzioni delle recenti normative, DLgs 195/03 e dell’accordo Stato/Regioni del 2006, che disciplinano le caratteristiche degli addetti introducendo limiti vari e formazione ad hoc) ecc.ecc. Molte, ma comunque poche rispetto al target della legge che interessa qualunque attività anche di tipo familiare. Perciò chi non ha ancora messo in atto le normative o chi non ha aggiornato la propria politica della sicurezza negli anni è passibile di sanzioni anche rilevanti, come riportato dalla Finanziaria 2007 al nuovo Testo Unico.

 

Quindi Vi invitiamo ad effettuare un check up aziendale.

 

L’attività del nostro studio completerà le Vostre necessità con le seguenti possibili azioni:

  • Verifica del documento attuale di Valutazione del Rischio e suo aggiornamento al Testo Unico
  • Verifica generale della rispondenza ai titoli della normativa in vigore 
  • Consulenza, verifica ed eventuale supervisione dei lavori di adeguamenti se necessari
  • Preparazione disegni e pratiche per richieste e autorizzazioni varie
  • Gestione delle pratiche presso gli enti competenti fino alla loro risoluzione
  • Formazione del personale, preparazione opuscoli o informative
  • Presa in carico come consulenti esterni della responsabilità sulla sicurezza (RSPP) e ambiente

Ultime news

Pagine

La nostra brochure


Brochure 2016

Agenzia Casa Clima

Michele Viganego

 

Dicono di noi...

Pagamenti con PayPal

Nella descrizione inserisci il numero di fattura/proforma
Nel prezzo oggetto inserisci il valore totale della fattura comprensivo di IVA