Acqua

30 anni... ne è passata di acqua sotti i ponti...

Infatti dalla prima cd. “Legge Merli” del 1976 (n°319) che regolamentava tra l’altro le concentrazioni massime di inquinanti in ogni singolo scarico, si è passati attraverso il cd. “Decreto Acque” del 1999 (n°152) che ridisegnava tra l’altro completamente le caratteristiche di scarico e assieme al cd. “Decreto Ronchi” del 1997 (n°22) poneva una netta distinzione tra acque di scarico e rifiuti liquidi... arrivando all’odierno cd. “Testo Unico” 152/2006 entrato in vigore alla fine di aprile e successivamente modificato con il DLvo 4/08.

Su questo “Testo Unico” hanno cominciato a dibattere industriali, politici, rappresentanti autorevoli del campo ambientale e a seconda delle testate sulle quali si trovano interviste o articoli vari si entra nella giungla delle interpretazioni:

  • Industriali; ovviamente chi produce si sa ha un occhio e mezzo (o più) al profitto e l’altro mezzo occhio (o meno) alle problematiche di contorno (ad esempio ambientali). Non facciamo riferimento ovviamente a chi a occhi per tutto e che dimostra uguale misura nel contesto prodotto-uomo-ambiente, ma cerchiamo quantomeno di essere realisti.
  • Politici; il nuovo decreto legislativo 152/06 è nato alla fine di una legislatura e i successivi Ministri dell’Ambiente hanno avuto diversa sensibilità nel rileggere norme, scadenze e programmi e ancora oggi se ne vedono delle belle (vedere uno per tutti il melodrammone del SISTRI).
  • Rappresentanti autorevoli; chi lavora da anni nell’ambiente (professori, giuristi, tecnici, consulenti) ovviamente cerca di mettere ordine con fatica alle imprese dei summenzionati attori e invito quindi tutti a visitare i siti internet divulgativi che troverete con facilità attraverso i motori di ricerca.

Questo ultimo suggerimento però vi potrebbe indirizzare nella famosa giungla interpretativa delle norme e delle tecniche… e questo non sarebbe il lavoro del nostro studio.

In estrema sintesi il nuovo D.Lgs. 152/06 alla PARTE TERZA regolamenta:
SEZIONE I:
norme generali in materia di difesa del suolo e lotta alla desertificazione.
SEZIONE II:
tutelle delle acque dall’inquinamento.
SEZIONE III:
gestione delle risorse idriche.
SEZIONE IV:
disposizioni transitorie e finali.
Quindi come si diceva il ciclo completo delle acque dalla captazione/sfruttamento allo scarico.
Sono sempre in capo alle Province le autorizzazioni agli scarichi in acque superficiali, suolo o sottosuolo e ai Comuni o gestori nominati le autorizzazioni agli scarichi in fognatura.
L’attività del nostro studio completerà le Vostre necessità con le seguenti possibili azioni:

  • Verifica delle tecniche utilizzate per la gestione del ciclo acqua
  • Verifica della rispondenza alle normative in vigore 
  • Consulenza, verifica ed eventuale supervisione dei lavori di adeguamenti se necessari
  • Preparazione tavole e pratiche per richieste e autorizzazioni varie
  • Gestione delle pratiche presso gli enti competenti fino alla loro risoluzione
  • Formazione del personale, preparazione opuscoli o informative
  • Presa in carico come consulente esterno della responsabilità sulla sicurezza (RSPP) e ambiente

Ultime news

Pagine

La nostra brochure


Brochure 2016

Agenzia Casa Clima

Consulenti energetici

Michele Viganego

Dicono di noi...

Pagamenti con PayPal

Nella descrizione inserisci il numero di fattura/proforma
Nel prezzo oggetto inserisci il valore totale della fattura comprensivo di IVA